Guida Completa Zanzare: allontanarle, eliminarle e punture!

Le zanzare sono tra gli insetti volanti più fastidiosi che ci sono sul nostro territorio.
Sono presenti in grande quantità, soprattutto nel periodo estivo, e portano con loro due rischi:

  • Quello della puntura: che può causare fastidio, prurito o reazioni più gravi in soggetti sensibili o allergici
  • Quello delle malattie: che possono essere trasmesse quando si viene punti

In questa guida cercheremo di rispondere alle domande più comuni che ci vengono fatto in merito alle zanzare. Vedremo quali specie ci sono in Italia e quali sono le più pericolose.
Vedremo come curare la puntura, come evitare di essere punti e come allontanare le zanzare sia con rimedi naturali che con soluzioni chimiche.

Infine risponderemo a delle domande generiche ovvero quanto vivono le zanzare, a cosa serve la loro presenza nell’ecosistema animale e perché pungono l’uomo.

Tipologie di zanzare in Italia

Partiamo subito col dire che nel mondo ci sono più di 3000 specie di zanzare ma sono circa 60 quelle presenti sul territorio italiano.

Le più diffuse sono:

  • La zanzara comune: si tratta della comune zanzara di colore marrone. Con il tempo si è molto adattata per riuscire a sopravvivere anche nelle condizioni più difficili.
    L’ambiente ideale in cui si riproduce sono i ristagni d’acqua mentre la puntura avviene spesso di sera.
  • La zanzara tigre: è arrivata in Italia nel 1990, secondo le ricerche è sbarcata a Genova su un carico di copertoni usati.
    Da li si è velocemente diffusa nel nostro paese raggiungendo moltissime regioni. Secondo dati di monitoraggio non aggiornati la sua diffusione sarebbe minore in Sardegna e Sicilia, per via delle condizioni di aridità che ne contrastano il ciclo vitale e sarebbe poco diffusa anche in Campania e Calabria. La riconoscete perché è nera con strisce bianche ed è attiva di giorno, soprattutto nel pomeriggio e prima del tramonto.
  • La Zanzara di risaia: si tratta di una zanzara molto abile nel volo particolarmente diffusa nelle zone umide e nelle campagne.
    Le femmine pungono anche di durante il giorno ma evitano il sole. Oltre a muoversi all’aria aperta è una specie che spesso si intrufola nella case.

Se vi interessano le descrizioni fisiche delle zanzare più dettagliate potete trovarle qui.

A cosa servono le zanzare 

zanzara che impollina un fiore

Le zanzare svolgono un ruolo impostante nell’ecosistema, nonostante la loro presenza possa sembrare unicamente un fastidio.
Nella catena alimentare, le zanzare sono una fonte significativa di biomassa, e una fonte di cibo per altri animali.
Quando sono ancora larve, vengono mangiate dai pesci, tartarughe e altri anfibi che popolano laghi e torrenti.
Da adulte, invece, sono il cibo ideale per uccelli, rane e pipistrelli – soprattutto perché le zanzare sono molto numerose e facili da catturare.

Alcune zanzare sono anche importante per la loro funzione di impollinazione e quindi per lo sviluppo della vegetazione.
A questo proposito è importante ricordare che sono circa 400 le specie di zanzare che infettano l’uomo, mentre altre 3000 circa sono completamente innocue.

Perché le zanzare pungono l’uomo?

Molto semplicemente le zanzare femmine pungono l’uomo per nutrirsi del suo sangue. Senza questo “pasto di sangue” la zanzara non sarebbe in grado di riprodursi e di deporre le uova.

Le zanzare maschio invece si nutrono di dei fiori.

Punture di zanzare

punture di zanzare rosse e gonfie sul braccio

Adesso che abbiamo scoperto perché la zanzare pungono l’uomo è bene sottolineare che la puntura a due conseguenze.

  1. La trasmissione di malattie come la Febbre West Nile, il virus Zika, i virus che causano la malaria e altre malattie. Per informazioni dettagliate sul virus Zika e sulle altre malattie vi consigliamo di consultare il sito dell’Istituto Superiore di Sanità.
  2. La conseguenza più comune è invece la formazione di una zona arrossata, pruriginosa e leggermente rigonfia.

Come curarle

Per la maggior parte delle persone non hanno bisogno di cure particolari per la punture di zanzare. Il rossore, il gonfiore e il prurito scompaiono autonomamente dopo qualche giorno.

Durante questo tempo può essere applicata una pomata specifica per alleviare il prurito oppure un gel dopo puntura.

Alcune persone potrebbero sviluppare delle reazioni allergiche più o meno gravi. In questi casi è sempre bene rivolgersi ad un medico.

Far passare il prurito

Per far passare il prurito da puntura di zanzara si possono utilizzare dei rimedi naturali. Uno dei più comuni ed utilizzati è l’aloe vera.
Il gel di questa pianta è famoso per accelerare la guarigione di lesioni cutanee di varia natura. Inoltre, agisce per alleviare il prurito e ridurre il gonfiore.

Se non avete dell’aloe vera in casa potreste provare del basilico. Questa pianta aromatica, molto comune nelle case degli italiani, ha degli effetti antinfiammatori e sembra funzioni bene per alleviare il prurito.

Infine, alcuni consigliano di applicare un pezzetto di nastro adesivo sulla puntura. In questo modo vi ricorderete di non grattare quella zona ed eviterete di peggiorare la situazione.

Come allontanare le zanzare 

zanzara su una pianta

Piante contro le zanzare

Sapevate che ci sono alcune piante che riescono ad allontanare naturalmente le zanzare? Una delle più famose è la citronella che sprigiona un profumo odiato da questi fastidiosi insetti.

Potreste piantarla nel vostro giardino, magari nei punti in cui notate un maggior passaggio di zanzare. In alternativa potete tenerla in vaso in modo da spostarla agevolmente dove vi è più necessita.

Tra le piante anti zanzare ci sono la calendula e la lavanda, insieme ad erbe aromatiche come il basilico, il rosmarino e la menta.

Nel caso in cui dobbiate cenare all’esterno vi consigliamo di preparare un bel centrotavola con queste piante anti zanzare e vedrete che le zanzare non si avvicineranno.

Spray anti zanzare

La soluzione più conosciuta per allontanare le zanzare è sicuramente lo spray.

In commercio ci sono tantissimi spray anti zanzare ma fate attenzione a selezionare quello giusto per le vostre necessità.

Ad esempio uno dei più famosi spray per le zanzare è Autan che è disponibile in due versioni:

  • Autan Family Care: pensato per allontanare e proteggere da zanzare comuni e zanzara tigre. Può essere utilizzato anche dai bambini partendo dai 2 anni ed ha anche un’azione rinfrescante sulla pelle.
  • Autan Tropical: pensato per proteggere da zanzare comuni e zanzare tropicali. Aiuta quindi a tenere lontane le zanzare che possono trasmettere malattie tropicali ed è sicuramente consigliato durante i viaggi all’estero in cui sono presenti questi tipi di zanzare.

Ci sono poi gli spray che utilizzano prodotti naturali come repellenti. Nella maggior parte dei casi sono spray con olii essenziali di citronella, eucalipto e basilico ed altre piante con poteri repellenti.
Spray di questo tipo potrebbero essere utili nel caso in cui la vostra pelle non tolleri gli spray chimici o se non cercate un livello di protezione troppo elevata.

Bicarbonato contro le zanzare 

Un rimedio della nonna di cui abbiamo sentito parlare prevede l’utilizzo del bicarbonato da sparlare sulla pelle.

Secondo questo rimedio bisogno miscelare bicarbonato e talco e cospargere la pelle che perderà il suo classico odore che attrae le zanzare.

Si tratta ovviamente di un rimedio che potrebbe essere testato ma che personalmente non consigliamo.

Come eliminare le zanzare

Passiamo adesso a vedere come eliminare le zanzare. Vedremo nello specifico quali sono i metodi più efficaci per eliminarle dal giardino, e quelli più efficaci per eliminarle quando sono in casa.

Eliminare le zanzare in giardino

zampirone o spirale anti zanzare

Zampironi o spirali anti zanzare

Gli zampironi sono delle spirali formate da polvere compressa di piretro. Il piretro altro non è che un insetticida naturale, ricavato da una pianta, in grado di uccidere gli insetto volanti.

Gli zampironi vanno posizionati all’aria aperta e accesi sulla punta. Dopo pochissimo tempo inizieranno a sprigionare un fumo, che le zanzare odiano, che avrà anche effetti insetticidi su di esse.

Nel caso in cui il giardino o l’area esterna è piuttosto estesa potreste posizionare anche più di una spirale anti zanzara in modo da avere maggiore protezione.

Zanzariera elettrica

Un altro metodo molto efficace per uccidere le zanzare è l’utilizzo di una zanzariera elettrica.

Vi sarà sicuramente capitato di vederla qualche volta. È un dispositivo (spesso a forma di casetta) che ha delle lampade UV ed una griglia interna elettrificata.

Le zanzare vengono attratte dalle luce della lampada e, cercando di avvicinarsi, vengono folgorate dalla griglia elettrica.

Questo rimedi è molto utile nel caso in cui le zanzare siano numerose, quindi va benissimo per un giardino o una zona esterna. L’unico inconveniente è che visto il metodo di funzionamento questo dispositivo è ovviamente utilizzabile solamente con il buio.

Trappola

L’ultimo metodo per eliminare le zanzare in giardino potrebbe essere l’utilizzo di una trappola.

Si può scegliere tra acquistarne una oppure realizzarne una in casa.
Le trappole che si acquistano online o al supermercato sono generalmente elettriche e possono utilizzare la luce oppure un’esca.

La trappola fai da te, invece, viene realizzata con una bottiglia in plastica e con l’utilizzo di lievito e zucchero per attirare la zanzare. Vi lasciamo qui sotto il video tutorial.

Eliminare le zanzare in casa

Quando le zanzare sono in casa la questione potrebbe essere più complessa.
Questi insetti non sempre sono facili da individuare e in alcuni casi il loro volo è estremamente rapido.

Ancora peggio nel caso in cui si tratta di pappataci, conosciuti anche come moscerini che pungono. Questi ultimi sono estremamente piccoli, scappano dalla luce e amano nascondersi dietro i mobili e sotto i letti.

Le zanzare comuni e le zanzare tigre, invece, sono meno furbe è spesso si appoggiano sui vetri, sulle zanzariere, sui muri o sui mobili.

Insetticida

Se non riesci ad individuare la zanzara il miglior rimedio per eliminarla è sicuramente l’insetticida.

Seguite le indicazioni riportate sulla confezione ma in genere bisogna:

  1. Chiudere porte e finestre
  2. Spruzzare lo spray per qualche secondo verso tutte le aree della stanza
  3. Allontanarsi dalla stanza e lasciare agire per diversi minuti
  4. Arieggiare bene la stanza prima di entrarci nuovamente

Racchetta

racchetta elettrica per eliminare le zanzare

Secondo noi il miglior metodo per uccidere le zanzare quando le vedete è la racchetta elettrica. A differenza della paletta abbatti mosca classica, la racchetta elettrica per zanzare ha un area più ampia ed uccide la zanzare anche se viene toccata solo per qualche millesimo di secondo.

La maggior parte delle racchette sono ricaricabili, quindi non c’è bisogno nemmeno di cambiare le batterie.

Il suo utilizzo è piuttosto semplice ma ci sono delle accortezze da seguire. Alcune persone, sbagliando, la utilizzano come fosse una racchetta da tennis cercando di colpire la zanzara come una pallina.

In realtà, essendo la zanzara molto leggera, un movimento estremamente veloce crea un spostamento d’aria che la allontanerebbe soltanto.
Il metodo migliore è invece quello di appoggiarla lentamente su una zanzara ferma o seguire il suo volo cercando di anteporre la racchetta d’avanti.

Disinfestazione professionale contro le zanzare

disinfestazione professionale contro le zanzare

Nei casi di presenza numerosa di zanzare potrebbe rendersi necessaria una disinfestazione professionale. Come funziona e quanto costa?

Come funziona

La disinfestazione professionale contro le zanzare prevede:

  • Un sopralluogo: per individuare i punti critici in cui le zanzare si nascondono e si riproducono. Sia all’interno di strutture sia nel vicino perimetro esterno della casa o dell’edificio.
  • L’applicazione dell’insetticida: prevede l’utilizzo di uno spray da nebulizzare specialmente nelle zone in cui le zanzare trovano riparo. Generalmente zone umide e ombreggianti come siepi, aiuole, alberi
  • La prevenzione: insieme all’utilizzo dell’insetticida è fondamentale lavorare sulla prevenzione. Come abbiamo già detto le zanzare si riproducono nell’acqua stagnante, bisogna quindi intervenire per eliminare le zone in cui si accumula acqua piovana o altro tipo di acqua.

Quanto costa

Il costo di una disinfestazione professionale per zanzare parte da 100 euro e può arrivare anche a diverse migliaia di euro.
La variabile che incide maggiormente sul prezzo è l’estensione dell’area da trattare.

Ovviamente più grande sarà lo spazio che necessita della disinfestazione più il prezzo salirà.

Tenete anche presente che questi interventi hanno durata piuttosto breve, circa 30-40 giorni. Trascorso questo tempo le zanzare inizieranno pian piano a tornare.
Molte ditte propongono quindi dei pacchetti a prezzo fisso che includono dei cicli di disinfestazione da effettuare durante l’anno.

FAQs sulle zanzare

zanzare sulla pelle

Le zanzare pungono i neonati?

Certamente, le zanzare pungono anche i neonati. È importante proteggere anche i bambini più piccoli dalla puntura di zanzare, magari facendogli indossare vestiti lunghi ed evitando luoghi con maggiore presenza di questi insetti.

Così come per gli adulti, anche nei neonati le punture di zanzara non destano particolare preoccupazione. Nella maggior parte dei casi si sviluppa gonfiore, prurito e rossore.

Quando possibile è sempre bene prevenire anche considerando che secondo il Centers for Disease Control and Prevention i bambini sono più propensi a sviluppare reazioni severe.

Quanto vivono le zanzare?

I maschi delle zanzare vivono solamente 6 o 7 giorni, nutrendosi principalmente di nettare delle piante.
Le femmine vivono circa 6 settimane, ma in alcuni casi possono arrivare a vivere anche 5 mesi se hanno un adeguato approvvigionamento alimentare.

Scroll to Top