Come Eliminare i Topi: la Guida Completa [2023]

I topi sono ospiti indesiderati in tutte le case.

Oltre a essere legati al concetto di sporcizia e scarsa igiene, possono essere portatori di infezioni e rappresentare un pericolo per la salute.

Come se non bastasse possono creare anche parecchi danni: rosicchiando i mobili, i cavi elettrici e in alcuni casi anche le pareti. Proprio per questo motivo è importante trovare una soluzione rapida e permanente al problema dei topi.

La cosa importante è evitare di farsi prendere dal panico, liberarsi di un’infestazione di topi è possibile e vi spiegheremo dettagliatamente come fare.

Riconoscere i topi: le specie in Italia e la differenza con i ratti

Prima di capire come eliminare i topi è necessario saperli riconoscere.

Nel nostro paese sono 3 le specie più diffuse:

  • Il Topo domesticoè il topo più diffuso in assoluto, di piccole dimensioni e piuttosto intelligente. Il pelo è corto e lucente, con un colore che varia dal marrone chiaro al nero-grigio.
  • Il ratto nero dei tetti: come dice il nome è un roditore dal colore piuttosto scuro, spesso tendente al nero. È una specie molto agile in grado di camminare con facilità anche su cavi e tubazioni. Proprio per questa sua caratteristica tende a colonizzare gli edifici anche nelle sue parti più alti come tetti o soffitte.
  • Il ratto grigio o pantegana: è tra le specie più grandi tra quelle di comune diffusione. Oltre che per la dimensione si differenzia dal ratto nero per un muso meno appuntito e il naso smussato.
specie di topi diffuse in italia
Confronto tra le specie di topi più diffuse in Italia
Amirekul, https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Mus_musculus_2254.jpg
Mike Pennington, https://www.geograph.org.uk/photo/5484525

Caprine il comportamento: cosa gli attira?

I topi sono tra gli animali infestanti più diffusi nel mondo. Sono numerosissimi in ogni paese, pensate che a Parigi c’è ne sono addirittura due per ogni abitante.

Nonostante sia frequente trovarli nelle campagne, in prossimità di spazi verdi ed in zone rurali, non si fanno problemi ad entrare anche nelle nostre case. Di solito sono attratti da:

1. Riparo

Soprattutto con la fine dell’autunno e l’inizio della stagione invernale, i topi tendono a cercare dei ripari più caldi. Potrebbero quindi entrare in casa attraverso piccole fessure, buchi nei muri ma anche altri metodi che vedremo in seguito.

2. Un posto dove creare il nido

Allo stesso modo, potrebbero essere anche alla ricerca di un posto dove creare il proprio nido. In questo caso sono generalmente attratti da materiali morbido.
Ad esempio, amano il cotone, la carta e le imbottiture.

3. Cibo

Forse il motivo più ovvio per cui un topo potrebbe entrare in un luogo è il cibo. Potrebbero essere attratti dal cibo nelle nostre case ma anche da attività commerciali come ristoranti. Non sottovalutate anche la presenza di cibo cantine e in luoghi con cibo per animali domestici, ad esempio i pollai e le stalle.

4. Acqua

L’ultimo grande motivo che potrebbe spingere un topo a spostarsi è l’acqua. Tenete presente che un poco può restare senza bere moltissimo tempo, anche diversi mesi.
Allo stesso modo però potrebbero essere attratti dall’acqua nel caso in cui ne trovassero a disposizione.

Come capire se c’è un topo in casa?

I topi sono animali piuttosto piccoli e molto veloci. In alcuni casi può essere difficile notare la loro presenza anche per diverso tempo.
Per capire se c’è un topo in casa dovete cercare sono le tracce che si lasciano dietro:

  • Potreste notare graffi o altri segni di manomissione intorno alle confezioni di cibo e sui ripiani. Inoltre, dovreste poter notare il battiscopa o le finiture del pavimento graffiate o mordicchiate
  • Nel caso in cui il topo abbia avuto accesso al cibo potreste notare briciole o rimanenze in posti inusuali
  • Potreste sentire di graffiare oppure squittire, soprattutto durante la notte
  • Se avete degli animali potreste notare un comportamento strano. Magari abbaiano o scavano in qualche punto specifico anche se voi non notate niente di strano
  • Uno dei segnali più evidenti possono essere gli escrementi. Spesso si trovano negli angoli delle stanze, dietro ai mobili oppure sotto i lavandini.
    La forma degli escrementi è cilindrica mentre la colorazione e nera. Sappiamo che non è la cosa migliore del mondo ma lasciamo qui sotto una fotografia in modo che possiate riconoscerli con facilità.
    Nel caso in cui vi facciano schifo continuate a scorrere e leggere dopo la foto.
escrementi di topo comune o topo domestico
Escrementi di topo comune. Si può notare la forma cilindrica e la colorazione nera.
Hansmuller, https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Housemouse_(Mus_musculus)_droppings_with_10_and_
20_euro_cent_coins_and_a_ruler,_Utrecht,_The_Netherlands,_December_14,_2019.jpg

Come eliminare i topi in casa

Rimedi naturali e fai da te

1. Individua i punti di ingresso

Il primo passa da fare per eliminare i topi è quello di individuare i punti di ingresso. Procedi ispezionando la casa fino a coprire tutto il perimetro interno.

Ricorda che i topi riescono a passare anche buchi piuttosto piccoli. Nel caso dei topi (che non siano ratti) anche un’apertura larga quanto un pollice potrebbe essere sufficiente.

Le zone da controllare con particolare attenzione sono:

  • Eventuali garage e cantine che sono spesso zone con scarsa manutenzione e potrebbero essere una porta d’ingresso per il vostro edificio
  • Controllate le griglie d’areazione
  • Controllate con particolare attenzione le zone della casa in cui ci sono tubi o scarichi (in bagno ed in cucina). Intorno ad essi ci potrebbero essere dei buchi o degli spazi di passaggio
  • Guardate la zona del caminetto o se avete impianti di riscaldamento e raffreddamento con scarico all’esterno
  • Controllate tutto il perimetro delle mura per eventuali fori
  • Controllate le finestre, le porte ed eventualmente le zanzariere per eventuali buchi

Nel caso in cui abbiate trovato un’apertura procedete chiudendola il prima possibile. Potrete utilizzare del sigillante magari inserendo anche della lana d’acciaio per maggior sicurezza.

2. Rimuovi il cibo e l’acqua

Tutti i roditori sono attratti da posti in cui sono presenti cibo ed acqua. È importante quindi eliminare queste fonti di sostentamento se volete eliminare anche i topi.

Conservate il cibo in contenitori di metallo, vetro o in un materiale che i topi non possono rosicchiare. Cercate di lasciare la cucina il più possibile pulita senza piatti sporchi o cibo avanzato.
Ricordate di fare attenzione anche alle ciotole degli animali, evitando di lasciare il cibo incustodito troppo a lungo o durante la notte.

3. Repellenti naturali

Tra i rimedi naturali per eliminare i topi si possono utilizzare dei repellenti.

Tra questi c’è sicuramente l’olio essenziale di menta piperita, di cui sembra che i topi non ne sopportino proprio l’odore.
Potreste mettere alcune gocce dove pensate si trovino i topi per allontanarli.

In alternativa, potreste creare uno spray a base di peperoncino. Anche in questo caso vi basterà spruzzarlo nei punti frequentati dai topi.
Lo spray piccante tenderà ad irritare gli occhi ed il naso dei roditori che si allontaneranno.

4. Trappole che non uccidono

Una buona alternativa “fai da te” nel caso in cui non vogliate utilizzare dei veleni possono essere le trappole che non uccidono.

Nella maggior parte dei casi, le trappole non letali, utilizzano un sistema di chiusura a scatto che imprigiona il topo senza ucciderlo.
Successivamente non vi basterà che liberare il topo lontano da casa, meglio se in campagna.

5. Prendi un gatto

Un ultimo rimedio della nonna potrebbe essere quello di adottare un gatto. Tutti sappiamo come i felini amino cacciare questi roditori.

Tra le razze cacciatrici di topi ci sono soprattutto il gatto siberiano ed il gatto siamese. Ovviamente valutate bene questa scelta. Non si può decidere di prendere un animale domestico solo per liberarsi dei topi.
Ricordate che il gatto avrà poi bisogno di cure ed affetto.

Trappole e veleni

trappola a scatto per topi

6. Veleno per topi

I ratti possono essere sterminati con successo con esche rodenticide, ma queste sostanze chimiche devono essere applicate con attenzione. I due principali tipi di esche per topi sono oggi gli anticoagulanti e i non anticoagulanti.

Le esche per roditori più utilizzate, ed efficaci, sono gli anticoagulanti come il warfarin, il clorofacinone e il difacinone. Queste sostanze impediscono al sangue di coagulare, uccidono i topi.

Al contrario, i non anticoagulanti sono spesso veleni monodose che uccidono i ratti interferendo con i processi di generazione di energia delle cellule del corpo.

Tutti questi veleni sono spesso venduti in diverse formule. In blocchi, come esche alimentari ed anche in formulazione liquida.

Ricordate sempre che si tratta sempre di veleni e di fare molta attenzione al loro utilizzo. Leggete sempre le indicazioni sulla confezione ed assicuratevi di poterli posizionare secondo la legge vigente.

7. Trappole per topi

L’ultima alternativa è quella di utilizzare delle trappole per topi vere e proprie.

Quelle più famose, e che causano relativamente meno sofferenza, sono le trappole e scatto. Basterà posizionare l’esca sull’attivatore che farà chiudere la trappola non appena il topo lo toccherà.

Un altro tipo di trappola piuttosto usata è quella con la colla. Nonostante sia piuttosto efficace è anche l’alternativa meno umana. Potrebbe essere una soluzione nel caso di un’infestazione che non riusciate ad eradicare in altri modi.

Disinfestazione per topi professionale

disinfestazione professionale per topi

Nel caso in cui non vi riteniate in grado di agire in autonomia, il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di pensare ad una disinfestazione per topi professionale.

Come funziona?

Di solito la derattizzazione effettuata da una ditta funziona in questo modo:

  • Per prima cosa dovrete fornire alla ditta di disinfestazioni tutte le informazioni di cui siete al corrente. Dove avete visto i topi o dove sospettate si nascondino.
    L’eventuale presenza di escrementi o di altri segnali.
  • In secondo luogo verrà stilato un piano di azione. Verranno valutati i migliori metodi da utilizzare e verranno individuate le zone dove verranno piazzate le trappole.
  • Infine si passera all’ultima fase della disinfestazione per topi professionale. Verrà monitorata la situazione e, nel caso, dichiarata la fine dell’infestazione.

Quanto costa?

Il prezzo di una disinfestazione per topi professionale parte da 100 euro e può arrivare a diverse centinaia di euro. Il costo può variare in base alla dimensione dei locali, in base al numero di trattamenti che saranno necessari ed al tipo di prodotti utilizzati.

Molte aziende offrono comunque un preventivo senza impegno, in questo modo avrete la possibilità di valutare il costo prima di procedere con la disinfestazione.

FAQs sui topi

Topi in casa come disinfettare?

La presenza dei topi in casa può essere piuttosto pericolosa, soprattutto per gli agenti patogeni che questi animali possono trasportare.

Dopo la loro eliminazione è importante disinfettare la casa e gli ambienti dove questi ospiti hanno transitato.
Per disinfettare è possibile usare una soluzione a base di candeggina oppure altri prodotti con poteri disinfettanti.

Ovviamente prendete tutte le precauzioni del caso indossando i guanti ed evitando di entrare in contatto con feci ed urina.

Nel caso in cui vogliate disinfettare delle zone in cui non è possibile usare prodotti chimici aggressivi potrete utilizzare un pulitore a vapore. È la soluzione ottimale per tappeti e materassi.

Cosa mangiano i topi?

I topi sono onnivori e mangiano praticamente tutto, dagli alimenti vegetali a quelli animali. Di solito preferiscono cereali, semi e frutti o gli alimenti con elevati livelli di carboidrati.

Tra i loro alimenti preferiti ci sono: la frutta dolce, il cibo per animali, cereali, semi e frutta secca.

Cosa odiano i topi?

I topi odiano alcuni tipi di odori piuttosto forti come quello della menta piperita, della citronella e dell’aceto. Non gli piace anche l’odore di alcuni prodotti chimici come l’ammoniaca e la candeggina.

Altre due cose che odiano sono i rumori e la luce. Da diversi anni sono in commercio alcuni repellenti per topi che emettono suoni ad alta frequenza per tenerli lontani.
Le ricerche su questi apparecchi sono contrastanti e sembra che i topi si abituino ad essi dopo un certo periodo.

La luce, invece, non gli piace perché i topi hanno un vista piuttosto scarsa e la luce molto forte tende ad impedirgli la vista. Proprio per questo motivo tendono a muoversi di notte.

Come uccidere i topi con la coca cola?

Un po’ di tempo fa si è diffuso il mito di poter uccidere i topi con la coca cola. Secondo questa credenza, bevendo la coca cola il topo sarebbe morto perché non capace di espellere i gas.

La verità è che non è possibile uccidere un topo con la coca cola. Secondo gli studi la quantità di gas e caffeina contenuti nella bibita non sono sufficienti per arrecare dei danni.
Il roditore dovrebbe consumare una lattina intera della bevanda per vedere degli effetti negativi.

Si tratta quindi di un metodo fortemente sconsigliato. La grande quantità di zucchero contenuta al suo interno potrebbe attirare altri animali e poi vi troverese a chiderevi anche come eliminare le formiche.

Scroll to Top